Buongiorno mamme oggi vi parlerò di… PANNOLINI! Diciamoci la verità, di tutti gli acquisti che si devono fare per i neonati, i pannolini, considerata la loro vita media e soprattutto l’esborso di denaro che richiedono, sono la spesa meno accettata di tutte eppure non se ne può proprio fare a meno. Cominciamo a fare una […]

Buongiorno mamme oggi vi parlerò di… PANNOLINI!

Diciamoci la verità, di tutti gli acquisti che si devono fare per i neonati, i pannolini, considerata la loro vita media e soprattutto l’esborso di denaro che richiedono, sono la spesa meno accettata di tutte eppure non se ne può proprio fare a meno.

Cominciamo a fare una distinzione fondamentale, in commercio si trovano sia i pannolini lavabili che quindi si possono riutilizzare, sia i classici usa e getta.

Usa e getta:

Sul mercato si possono trovare innumerevoli varianti: in base al sesso, alle taglie (primi giorni, primi mesi e primi passi), la versione da notte e quella da giorno.

Che dire iniziamo con alcuni consigli:

Non fare molta scorta delle taglie 1 e 2 poiché il piccolo cresce in fretta,  dalla taglia 3 si può cominciare ad aumentare la quantità, ma è dalla 4 che si rimarrà un po fermi.

Secondo consiglio, prima di avventarsi sui pacchi maxi occorre provare prima i pannolini, sia per evitare che non siano ben tollerati dal piccolo, e sia in quanto non tutte le marche hanno la stessa vestibilità.

Consiglio 3: Per la taglia attenetevi a grandi linee rispetto a quanto  indicato nelle confezioni, ma fate più riferimento alle dimensioni del bambino, inoltre quando cominceranno a esserci frequenti fuoriuscite, soprattutto nella parte superiore è perché ormai la taglia è da aumentare.

Sebbene io sia qui a recensire la qualità di diverse marche e darvi consigli d’acquisto,  soprattutto in relazione ai prezzi, mi sento di poter affermare che sono una fan sfegatata dei pampers progressi. Credo siano il top della gamma e ineguagliabili, non per niente utilizzati nei reparti di maternità.  La scelta da fare, per me, sarebbe ovvia peccato che ci si debba scontrare con il prezzo che è anch’esso il top della gamma, ma in negativo purtroppo.

Se state leggendo questo post con la speranza che vi dica la marca di pannolini alternativa ai pampers progressi mi spiace deludervi ma ancora non è stata inventata.

Per quanto riguarda tutte le altre marche se avrete modo di confrontarvi con amiche non troverete mai una risposta univoca poiché i pannolini sono un po’ come il latte artificiale, ogni bambino risponde in modo differente … ci sono mamme che si trovano benissimo con una marca e altre che quella marca la denigreranno e quindi che fare?

Le alternative sono due :

1.Scegliere di acquistare i pampers progressi a cifre ragionevoli, cercando di spendere il meno possibile.

La quasi totalità delle mamme con cui ho parlato li reputa i migliori, ma ad un certo punto li abbandona a causa dei prezzi elevati. Vorrei offrirvi una soluzione per ovviare a questo problema:

  • Acquistare on-line…Attenzione però non sempre è vantaggioso come si pensa,  al prezzo del pannolino occorerà aggiungere quello delle spese di spedizione, quindi fate bene i calcoli. Vi consiglio un sito su cui acquisto spesso: www.caddys.it. Frequentemente ci sono offerte e l’ultima volta ho acquistato 208 pannolini Pampers taglia4 a 43.04 €,poco più di 0.20 € a pannolino, fantastico! I costi di consegna sono pari a 4,90 euro per ordini inferiori a 39 euro, oltre sono gratuiti e vendono un po di tutto.
  • Acquistare i Pampers tedeschi o inglesi, quasi identici a quelli italiani ma con un prezzo inferiore. Non sono proprio uguali, ma è un buon compromesso tra la qualità alla quale siete abituati e un buon prezzo.

I New Baby o premium protections sono i progressi italiani mentre i baby dry sono chiamati esattamente come i nostri. Vi riporto i link sotto, come noterete rimaniamo al di sotto dei 0.19 € a pannolino che per i pampers è un miracolo.

Se invece volete i pampers progressi italiani a tutti i costi vi basterà attendete le promozioni.

Ovviamente è importante puntare sui multipack (pacchi famiglia) e cercare offerte e promozioni spesso lanciate sia nei negozi tradizionali che online. Vi assicuro che i supermercati effettuano le promozioni dei pannolini a rotazione quindi un mese ci saranno i progressi, un mese i sole e luna e infine i baby dry.

Gli ultimi maxi pacchi che ho acquistato al Carrefour sono i Baby dry taglia 3×168 pz a 28.99€ cioè 0.17€ pannolino e taglia 4×156 pz a 28.99€ cioè 0.19€ pannolino.

Se si presta attenzione si riesce a non spendere eccessivamente per un pannolino che a prezzo pieno costano cifre improponibili.

Pampers New Baby 1 (poco più di 0.19 € pannolino) li potete trovare qui.

Pampers Simply Dry 3 (0.19€ pannolino) li potete trovare qui.

Su sito tedesco potrete trovare i seguenti pannolini (spese spedizione gratuite per ordini maggiori a 20€):

Pampers Premium Protections 0X 24 €3.98 (0.17 € pannolino) li potete trovare qui.

Pampers New Baby 1 X 96 €17.58 (0.18 € pannolino)

Pampers Premium Protections 2 X 68 €11.98 (0.18 € pannolino) li potete trovare qui.

Pampers Baby Dry 3 X 198 €39.98 (0.20 € pannolino) li potrete trovare qui.

2.La seconda alternativa è provare le altre marche, facendovi un po guidare da questa recensione che vi chiarirà alcuni dubbi ed esporrà  le caratteristiche ritenute importanti per la scelta che andrete a compiere.

Vi stilerò la mia personale classifica, motivata dalle mie recensioni. I prezzi riportati sono considerati in assenza di promozioni particolari quindi a prezzo pieno.

  • Pampers PROGRESSI (1° Posto nella mia classifica personale QUALITA’ OTTIMA, ovviamente li acquisto solo in offerta)

Prezzo: Prezzo che in base alle taglie varie da 0.3 a 0.45 pannolino circa

Assorbimento:  Ottimo, bordi ampi e retina che trattiene la pupù liquida in modo che non sia a contatto della pelle e rimanga sempre sottile, banda che si colora se bagnato nelle taglie 1-2-3.

Perdite: Nessuna

Tenuta: Extraforte Ottimo, bande elastiche e linguette che si attaccano benissimo

Traspirabilità: Super morbido e sottile permette massima traspirabilità

 

  • Pampers BABY DRY (2° Posto nella mia classifica personale, QUALITA’ ELEVATA)

Prezzo: Prezzo che in base alle taglie varie da 0.33 a 0.40 pannolino circa

Assorbimento:  Super assorbente anche se si gonfiano molto, bordi ampi.

Perdite: Nessuna

Tenuta: Molto Buono bande elastiche avvolgenti

Traspirabilità:  morbidi al tatto, la loro particolare struttura lascia passare liberamente l’aria al suo interno per una naturale traspirabilità anche se si gonfiano, inoltre hanno una lozione con aloe per evitare irritazioni ed effettivamente mi durano tutta la notte senza mai un rossore.

 

  • Huggies BEBE’ (2° Posto nella mia classifica personale qualità elevata) I primi mesi, visto il costo dei pampers progressi, ho cercato un pannolino che rispondesse al meglio alle mie esigenze e mi sono orientata sugli huggies e devo dire che mi sono trovata bene…la taglia 1 e 2 le ho trovate molto simili per qualità a pampers progressi, stessa leggerezza, stessa banda colorata per la pipì, stessa assorbenza insomma non capivo perché tutta questa diffidenza nei confronti di questa marca, purtroppo però dalla taglia 3 in poi mi è sembrato di cambiare pannolini. L’odore è orrendo, a volte non capisco se ha fatto la pipi o è proprio il pannolino a puzzare inoltre non ha più la banda colorata ed è molto più spesso e plasticoso. Avvicinandomi alla stagione estiva ha iniziato talvolta a dare problemi di arrossamento, essendo spesso, non è molto traspirante anche se continua ad essere assorbente.

Prezzo: Prezzo che in base alle taglie varie da 0.20 a 0.24 pannolino circa. I prezzi non sono concorrenziali ameno che non ci siano delle offerte al supermercato, in compenso vi allego due link vantaggiosi:

Huggies 1 (0.16 € pannolino) : https://amzn.to/2RtAHqe

Huggies 2 (0.20 € pannolino) : https://amzn.to/2O80B4u

Assorbimento: Ottimo, bordi ampi, rimane sempre sottile, banda che si colora se bagnato.

Perdite: Nessuna

Tenuta: Bande elastiche buone

Traspirabilità: Super morbido e sottile permette massima traspirabilità

 

  • LUPILU’ del lidl(3° Posto nella mia classifica personale qualità molto buona)

Prezzo: Prezzo è d circa 0.16 € pannolino

Assorbimento: Buona assorbenza grazie a uno strato assorbente aggiuntivo, hanno il comodo indicatore di umidità che cambia colore quando il bambino ha fatto la pipì

Perdite: Poche, è presente una banda elastica in vita che trattiene anche le fuoriuscite superiori

Tenuta: Bande elastiche ottime e confortevoli

Traspirabilità: Rivestimento super morbido e sottilissimo per ridurre l’umidità e evitare irritazioni

 

  • CHICCO DRYFIT, CONAD (qualità medio alta)

Prezzo: Sia Chicco che Conad hanno un prezzo medio di 0.21 € pannolino

Assorbimento: Buona assorbenza grazie a uno strato ultra assorbente.

Perdite: Poche, è presente una banda elastica extra contenitiva

Tenuta: Bande elastiche buone

Traspirabilità: Tendono a rimanere umidi al tatto, morbido internamente ma plasticoso esteriormente

 

  • Pampers SOLE e LUNA (QUALITA’ BUONA, alla pari di CARREFOUR BABY e EUROSPIN HELLO BABY)

Prezzo: Pampers Prezzo che in base alle taglie varie da 0.24 a 0.35 pannolino circa; (Carrefour Baby circa 0.13 € pannolino, Eurospin 0.15 € circa)

Assorbimento: Buona assorbenza con micro granuli assorbi-pipì

Perdite: Qualcuna

Tenuta: Bande elastiche non molto elastiche

Traspirabilità: Relativamente Sottili, con lozione all’aloe per evitare irritazioni e profumo alla camomilla

 

  • Huggies BIMBO/A e UNISTAR (li equiparo ai TRUDI,COOP e ESSELUNGA qualità medio-bassa)

Prezzo: Huggies Prezzo che in base alle taglie varie da 0.35 a 0.42 pannolino circa;( Trudy circa 0.21€; Coop circa 0.19 €; Esselunga 0.16 €)

Assorbimento: Buona assorbenza

Perdite: Poche, è presente una banda elastica in vita che trattiene anche le fuoriuscite superiori

Tenuta: Bande elastiche non molto elastiche e linguette che tendono a rimane in mano

Traspirabilità: Sono molto rigidi e spessi e purtroppo tendono a surriscaldare il culetto esponendolo ad irritazioni.

 

Perché i pannolini lavabili sono una valida alternativa?

Per quanto riguarda questo tipo di pannolini ci sono sempre molti pregiudizi a riguardo.

Iniziamo con l’elenco dei fattori positivi:

Ecologici, poiché evitano tonnellate di rifiuti;

Salutari, perché realizzati in cotone privi di sostanze chimiche che possono causare irritazioni e arrossamenti;

Aumentano il controllo delle funzioni fisiologiche, facendo associare la sensazione di bagnato al fare pipì e favorendo così un più precoce passaggio alla mutandina;

Più economici rispetto ali usa e getta;

Elimina il pensiero di rimanere senza;

Dopo aver letto questo elenco immagino che anche voi vi chiediate come mai non sono molto utilizzati?

Gli elementi ci sono tutti, sono vantaggiosi sotto tutti gli aspetti ma la gente preferisce ugualmente pagare di più e avere più disagi per un motivo…la comodità…ma questi pannolini sono effettivamente scomodi? Io ho sempre pensato “che schifo lavare pannolini sporchi” ma ignoravo il vero funzionamento. I pannolini lavabili sono disponibili sul mercato in diverse tipologie e modelli, ecco i principali:

All-in-Two (a due pezzi): sono pannolini composti da una parte interna assorbente, biodegradabile usa e getta e una mutandina impermeabile da sovrapporre esternamente;

Pocket: la loro caratteristica è la forma a ‘tasca’, appunto. Sono formati da una parte interna in e una esterna cucite assieme. Nella tasca si inseriscono degli inserti assorbenti di diversa tipologia a seconda delle specifiche necessità. Sono realizzati in materiali naturali o sintetici (pile, cotone, canapa, bambù, microfibra, spugna, flanella) che tratterranno la cacca e potranno essere gettati direttamente nel wc perché interamente biodegradabile. In alternativa esistono veli in micropile dove la pupù non si attacca e può essere gettata nel wc;

All-in-One (ad un unico pezzo): Sono i più simili ai pannolini usa e getta; Ciripà, pannolini di stoffa in cui sopra ci si mette la mutandina impermeabile.

Ok gli ultimi due non sembrano proprio praticissimi soprattutto quando non fa la pipì, ma per quanto riguarda i primi due modelli sono utilizzabilissimi, la popò finisce nel wc e la pipi si lava. Io nella mia concezione credevo che si dovesse lavare in ogni caso tutto e l‘idea non me li rendeva allettanti ma dopo essermi resa conto che mi sbagliavo perché non li ho presi in considerazione?

Semplice richiedono uno esborso iniziale non indifferente.

Il costo di un kit di pannolini lavabili va dai 400 a 800 euro una tantum.

Ovviamente nel lungo periodo conviene rispetto a quelli usa e getta, considerando che in base alla marca si spende da 600 a 1500 € l’anno (si deve considerare un utilizzo di 2.5/3 anni).

Il problema è che acquistare a questa cifra, decisamente significativa, non avendoli mai provati prima mi ha portato, mio malgrado, a ripiegare sui tradizionali pannolini usa e getta. Indubbiamente se avessi avuto dei campioni da provare, una possibilità gliel’avrei data per valutare se facessero a caso mio.