Chi non ha vissuto il baby blues alzi la mano! 7 consigli pratici per vivere questo momento al meglio L’insorgenza del baby blues è fisiologica, poiché conseguente al drastico cambiamento ormonale che avviene nelle ore successive al parto (crollo degli estrogeni e del progesterone) e alla spossatezza fisica e mentale dovuta al travaglio e al […]

Chi non ha vissuto il baby blues alzi la mano! 7 consigli pratici per vivere questo momento al meglio

L’insorgenza del baby blues è fisiologica, poiché conseguente al drastico cambiamento ormonale che avviene nelle ore successive al parto (crollo degli estrogeni e del progesterone) e alla spossatezza fisica e mentale dovuta al travaglio e al parto stesso.

Ogni anno almeno il 50% (1 su 2) delle donne vive un baby blues dopo il parto e il 10-15% soffre di disturbi di tipo depressivo (con intensità diverse).

Nell’1% dei casi circa, si rivela una vera e propria psicosi post-parto che può condurre addirittura al suicidio o l’infanticidio.

Puoi scaricare la guida completa al Baby Bluse andando compilando il form qui.

 

Distinguere la baby blues dalla depressione post parto:

La prima si manifesta nella prima settimana dopo il parto fra il 3° e il 6° giorno ed è caratterizzata da forti pianti senza motivo, tristezza, irritabilità, ansia, ecc.

Tuttavia le neomamme non perdono la capacità di prendersi cura nel neonato e di provare gioia. Dopo un paio di settimane il disturbo tende a svanire spontaneamente.

La depressione invece esordisce più tardi, solitamente tra la 4° e 6° settimana dopo il parto e in rari casi può manifestarsi anche più tardi. I sintomi specifici più importanti sono: tristezza, perdita d’interesse, di autostima e di energia, incapacità di provare gioia, fastidio o ostilità per il neonato ritenuto troppo esigente, pessimismo e senso di incompetenza, difficoltà nel contatto fisico con il neonato e eventualmente nell’allattamento, disperazione.

La “tristezza del terzo giorno” capita a moltissime neomamme. L’importante è cercare di vivere questo momento il più serenamente possibile. Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno ad affrontare questa tristezza passeggera:

1. Una delle prove più difficili da superare per una neomamma è la mancanza di sonno, o il sonno continuamente interrotto, non mi stancherò mai di ripeterlo. La mancanza di sonno offusca la mente, accentua nervosismo e rende tutto più complicato. Questo, a volte, è uno dei fattori che accentua il baby blues. Io prima del parto ho sottovalutato questo aspetto credendo di essere una superdonna e invece sono crollata. Non cercate di contrastare il bisogno continuo che ha il neonato di stare con voi ma assecondatelo e nello stesso tempo sfruttate il più possibile i suoi sonnellini per dormire! Non fate nulla in casa, delegate a marito, mamma o all’amica di turno. Se poi avete bisogno di una o due ore di sonno chiedere aiuto è il modo più semplice per superare le difficoltà.

2. Un’altra regola d’oro contro la tristezza è uscire di casa per una passeggiata. Vestirsi, preparare il neonato e prendere una boccata d’aria è un vero toccasana. Cercate di fare una passeggiata ogni giorno, in modo da non stravolgere completamente la vostra vita, ma semplicemente di completarla creando nuove abitudini.

3. Non azzerate del tutto la vostra vita sociale! Chiamate un’amica che sapete esserci già passata, o anche le vostre compagne di corso pre-parto che forse stanno vivendo in contemporanea le vostre sensazioni. Parlate del vostro disagio con vostro marito, con la vostra famiglia e condividetelo con serenità. Chiedere aiuto non é un segno di debolezza, ma un atto d’amore per sé e per il proprio bambino.

4. Sentitevi libere di non accettare visite. Se non avete voglia di parlare, se non vi sentite emotivamente serene da intrattenere ospiti, se siete stanche o semplicemente avete bisogno di stare sole con il vostro piccolino per creare una vostra nuova routine e conoscervi, non fatelo! Non preoccupatevi di ferire gli altri e di ciò che potrebbero pensare, se sono sufficientemente intelligenti capiranno che è una situazione delicata e vi daranno i vostri spazi. I momenti di inebriante felicità e gratificazione dovuta all’aver messo al mondo una creatura, vi concederanno un momentaneo stop in cui tutto o quasi, vi sarà perdonato.

5. Coccolatevi e prendetevi cura di voi stesse ritagliando del tempo per voi. Diversamente da quanto si pensi, questo è possibile anche senza fare chilometri ma comodamente stando a casa e facendo un bel bagno o doccia rilassante. Sarò sincera, inizialmente sarà difficile trovare il tempo anche solo per togliersi il pigiama. Non sono qua per farvi la paternale e dirvi di farlo perché si deve fare per non annullarsi, si deve fare in rispetto al proprio marito, e bla bla bla… tante belle parole che lasciano il tempo che trovano. Io invece vi suggerisco di fare quello che avete voglia di fare,nulla dovrebbe essere imposto o vissuto come un dovere, specialmente in questi primi giorni. Non preoccupatevi, sarete voi stesse a sentire la necessità di cambiarvi se il piccolo vi rigurgiterà o farà pipì addosso e sarete sempre voi a sentire l’esigenza di lavarvi quando i capelli saranno un groviglio informe. L’unico accorgimento che vi dico di avere è  che almeno in questo momento vi prendiate tutto il tempo di cui avete bisogno per rilassarvi e rigenerarvi, per quanto vi sarà possibile.

6. Non sentitevi in colpa. Anche se c’è omertà e tendenzialmente nessuna delle vostre amiche vi ha parlato di aver passato questi momenti, è bene che voi sappiate che 1 neomamma su 2 vive questa esperienza anche se non la condivide. Non pensate di essere deboli o instabili mentalmente perché vi è capitato. Non vivete la momentanea infelicità come un vostro difetto. Tutto ciò che vi sta capitando è semplicemente dovuto a fattori ormonali e alla stanchezza, ed è fuori dal vostro controllo. Dobbiamo iniziare a pensare alla maternità non solo come momento di estrema gioia ma anche come momento di drastico cambiamento che può condurci momentaneamente a non amare come vorremmo i nostri bambini. Se tutte le mamme sapessero prima che arrivi questo momento, che ci è concesso sentirci così, che è un passaggio del tutto fisiologico e che NON siamo delle cattive mamme, staremmo sicuramente più tranquille a accelereremmo le tempistiche di questa fase, che seppur transitoria può essere molto destabilizzante. .

7. Ultimo “rimedio” contro il baby blues, ma più importante di tutti, è proprio il vostro bimbo appena nato! Soffermatevi ad osservarlo cercando di lasciare da parte le paure e le angosce. Il rimedio più potente contro la tristezza sarà lasciarsi sopraffare da questo rapporto unico che vi accompagnerà per la vita. Non temete se credete di non amarlo o di esservi rovinate la vita, perché vi assicuro che è questa fase di momentanea tristezza a parlare. Alcune mamme si innamorano a prima vista (poche nella realtà, anche se è difficile sentirlo ammettere alle mamme è raro sia così), per quanto mi riguarda non è successo e reputo che capiti solo nei film ma potrebbe succedere. E’ sicuramente vero che per la maggior parte, per imparare ad amare il proprio bambino può volerci del tempo, proprio come succede tra persone adulte. D’altronde siete due individui che hanno bisogno di conoscersi e solo dopo questa fase iniziale solitamente sboccia l’amore vero. Questa fase può durare pochi giorni o settimane, comunque sia, tutti i genitori arriveranno ad amare il piccolo ed accettare la vita che ne consegue.

Io non mi vergogno di ammettere che per me è stata dura.

Io che mi sono sempre ritenuta una persona razionale e pragmatica non potevo credere di essere entrata in questa spirale di tristezza.

Io che ho desiderato per due anni di rimanere incinta non potevo credere di pensare di aver fatto un errore.

Ho trascorso circa 15 giorni a piangere, senza nascondere a nessuno le mie sensazione e anche andando incontro agli sguardi inquisitori della gente, perché infondo sapevo che non potevo vergognarmi di ciò che provavo perché non era ciò che desideravo ma nello stesso tempo non potevo rinnegare.

Poi fortunatamente come è arrivata la malinconia se n’è andata, anche se credo di essermi innamorata perdutamente solo nel momento in cui la mia bimba mi ha rivolto il primo sorriso, quindi intorno al secondo mese.

E quando, qualche settimana più tardi, per la prima volta mi ha teso le mani mi sono resa conto di essere cotta definitivamente e di essere completamente in balia dei suoi occhioni.

Questa è stata la mia esperienza ma visto l’argomento delicato, mi renderebbe molto felice se anche voi, nell’anonimato del web , condivideste la vostra esperienza. Mi piacerebbe davvero che insieme, semplicemente raccontando le nostre storie, riuscissimo a dare supporto a chi, per paura di esprimere queste sensazioni, sta vivendo questa esperienza e non è supportata da nessuno.

Puoi scaricare la guida completa al Baby Bluse andando compilando il form qui.