La guida completa! Compila il form e scarica la guida completa, leggila con calma quando puoi. Non sempre adesso, è il momento giusto, lo so ;) Per cosa useremo questi dati Queste informazioni verranno utilizzate anche per offrirti messaggi personalizzati di tuo interesse. La tue scelte sono importanti per noi! Scegli quali vantaggi vuoi avere […]

La crosta lattea è una forma di dermatite seborroica che interessa, come dice il nome stesso, la pelle del lattante.

Non c’è alcuna correlazione tra la crosta lattea e l’allattamento materno.

La zona più coinvolta e il cuoio capelluto del bebè, dove compaiono tante squamette untuose di colore giallastro.

Queste proliferano e aderiscono tra di loro: la testa del bimbo appare dunque come ricoperta da una crosta che impedisce la corretta traspirazione della pelle per questo si tende a rimuoverla.

L’irritazione spesso interessa anche le sopracciglia, la fronte, il mento, i lati del naso. Solo in alcuni casi, si estende alla zona del pannolino.

Colpisce il 3-4% dei bambini e fa la sua comparsa a circa 30-40 giorni dalla nascita ed è destinata a scomparire spontaneamente entro il 3°-4° mese di vita senza lasciar alcuna traccia.

Se dopo questo periodo la pelle del piccolo è ancora soggetta ad arrossamenti diffusi, tende a desquamarsi, e l’irritazione è accompagnata da un intenso prurito, occorre consultare il pediatra. Non si è infatti di fronte a un protrarsi della dermatite seborroica (crosta lattea), bensì a una probabile manifestazione di dermatite atopica, inoltre i casi con manifestazioni più estese e intense vanno valutati dal pediatra che potrà prescrivere shampoo, olio e creme a base di alludekina, una sostanza che esercita un’azione emolliente sulla pelle irritata.

Va comunque tenuto presente che le cure possono soltanto alleviare i sintomi e prevenire eventuali complicazioni, in quanto il disturbo.

In questi casi è bene:

  • ammorbidire l’area della crosta lattea ungendola con un olio di quelli per i bambini come l’olio di mandorle dolci, di oliva o di calendula. Possibilmente lasciarlo per un paio d’ore sulla cute prima di rimuovere con un bagnetto.
  • fare un bagnetto al piccolo lavando bene il cuoio capelluto e bagnando la testa in modo che renda ancora più soffice la crosta.
  • Dopo il lavaggio, con una leggera frizione eseguita con una garza imbevuta di tali oli e successivamente, se il piccolo ha molti capelli, con un apposito pettinino a denti fitti che potrete trovare qui, rimuovere le croste adagio e con delicatezza.

Non bisogna  ‘grattare’ le crosticine con il pettinino o con le dita, perché la cute potrebbe irritarsi e peggiorare la situazione.

Il disturbo viene aggravato dall’acqua e dai saponi che asportano la piccola quantità di film idrolipidico presente sulla cute, quindi attenzione ai prodotti da utilizzare consiglio amido di riso e nient’altro, o tuttalpiù arricchito con qualche goccia di olio vegetale.

Da acquistare: Amido di Riso per il bagnetto e Olio Vegetale (Ideale sarebbe olio di mandorle dolci bio), pettinino a maglia stretta, Garze o Cotone.