Quando si aspetta un figlio, una delle cose più emozionanti è rendere la propria casa più confortevole e a prova di neonato. Non parlo del semplice fatto di acquistare mobilie e complementi d’arredo, ma di creare un ambiente veramente accogliente, dove tu e il tuo bambino trascorrerete la maggior parte del tempo. Scivolare nell’errore di […]

Quando si aspetta un figlio, una delle cose più emozionanti è rendere la propria casa più confortevole e a prova di neonato.

Non parlo del semplice fatto di acquistare mobilie e complementi d’arredo, ma di creare un ambiente veramente accogliente, dove tu e il tuo bambino trascorrerete la maggior parte del tempo.

Scivolare nell’errore di riempire di giochi la casa o di decorazioni è facile, anzi facilissimo.

Alzi la mano, chi non è mai entrata nel primo negozio in città per fare incetta di cuscini a forma di stelline, peluche e tantissimo altro.

Meglio fermarsi e fare un passo indietro! In questi casi tornare sulla questione principale è d’obbligo, bisogna quindi chiedersi: come posso aiutare a farlo o farla riposare meglio?

Non è un caso, che le domande più frequenti quando ci si ritrova a parlare tra neomamme è : ma lui (o lei) dorme tutta la notte? Ha numerosi risvegli? Dorme in culla?

E allora eccomi qui, vi salvo io con i miei soliti consigli per “prime mamme”. Leggete con attenzione e fatemi sapere cosa ne pensate.

Parliamo di Arredamento:

La camera da letto prima e la cameretta in seguito, deve essere un luogo dove il superfluo non ha posto. Inoltre oggetti inutili potrebbero risultare ricettacoli di polvere.

Cominciamo, dalle pareti: scegliete colori tenui. Ci sarà tempo quando crescerà di arricchire la camera con disegni e colori.

Per quadri o altri oggetti da appendere potete dare sfogo alla vostra creatività.
Attenzione a non appenderli, proprio sopra la culla!

Assicuratevi anche che il campo visivo del bambino non vi siano elementi che lo distraggano e che quindi gli impediscono di dormire.

Oltre alla culla e ad una poltrona comoda con braccioli abbastanza ampi da sostenervi mentre allattate al seno, procuratevi una lampada che permetta di regolare l’intensità della luce. Vi sarà utile quando dovrete allattare o cambiarlo di notte, per evitare di svegliarlo completamente.

Per posizionare la culla, scegliete un angolo della stanza dove la finestra o il balcone non è presente, per evitare gli spifferi e distante da termosifoni per evitare il surriscaldamento.

Procuratevi un Termoigrometro digitale per interni che misura la Temperatura e l’Umidità, fondamentale, soprattutto durante il riposo, per mantenere il giusto clima in casa, che non deve mai essere eccessivamente caldo o secco.

Un altro suggerimento che vi do, è di cercare di tenere la stanza completamente al buio. Problema ovviabile con delle comuni tende oscuranti.  Anche la più sottile lama di luce può infatti essere in grado di svegliare il bambino quando crescerà. Quando le luci sono spente e le tende chiuse, dovrebbe essere tanto buio da impedirvi di vedere l’estremità opposta della stanza.

Detto questo, voglio darvi alcuni consigli pratici da mettere in atto proprio quando è arrivata l’ora di fare addormentare la vostra bambino o il vostro bambino. Continuate a leggere, sono sicura li troverete interessanti!

Parliamo dell’Addormentamento:

Prima di tutto, è bene capire quando è il momento giusto per metterlo/a a letto.
Imparate a capire come si addormenta e a cogliere i segnali del sonno.
Dopo il primo sbadiglio potrebbe già essere il momento adatto. Cogliete l’attimo!

Ed ecco ora i miei top 5 consigli per accompagnare il vostro bambino tra le braccia di morfeo:

1. Create una serie di rituali per mettere a letto vostro figlio o figlia!
Ricordate: Per loro la routine è un fattore confortante e adottare un rituale della buona notte lo rilassa.
E se ci pensate, lo è anche per voi: inserire la sveglia, struccarvi, mettere la vostra crema idratante preferita, leggere un buon libro e poi… zzzz.

2. Esistono delle app che mettono a disposizione tutta una serie di suoni bianchi che aiutano a farvi rilassare e a farlo/a rilassare. Scaricatele!

3. Non stimolatelo troppo nelle ore che precedono la ninna. Abbassate luci e volume, allontanateli da campi elettromagnetici. I bambini se sottoposti a stimoli eccessivi fanno fatica ad addormentarsi, anche se stanchissimi e come conseguenza si innervosiscono. Evitatelo!

4. Accertatevi che abbia mangiato a sufficienza.

5. Proponetegli il ciuccio. La suzione è utile per far scaricare le energie in eccesso e farli rilassare, oltre a diminuire il rischio di sids. Se non è di suo gradimento siate perseveranti!

Vi è piaciuto questo articolo? Se siete delle mamme alla prima esperienza, spero proprio di sì.

Aiutatemi a diffonderlo! Condividetelo!