Ciao Mamme!

Oggi parliamo del Bagnetto per il tuo bambino. Consigli sul dove, come, quando fare il bagnetto.

Intanto, per prima cosa, è fondamentale sapere che i primi giorni dopo la dimissione è consigliabile evitare il bagnetto per il neonato, occorre attendere la caduta del moncone che avviene in genere intorno ai 10-15 giorni di vita.

Nei primi giorni dopo la nascita, l’alternativa al bagnetto sarà lavare con acqua tiepida le varie parti del corpo, come sederino, piedini e gambine. Potrebbe risultare utile utilizzare un detergente specifico per neonati, da applicare con un batuffolo di cotone, per pulire la zona ascellare e tra le pieghe del collo. L’alternativa è l’uso di spugnature con acqua a patto che le spugne e le manopole per la pulizia del bebè vengano sterilizzate giornalmente, essendo queste un ricettacolo di batteri.

Il bagnetto dovrebbe essere vissuto come momento piacevole e rilassante, se si nota che il bambino vive il bagnetto come un momento di tensione o di disagio, soprattutto i primi giorni è meglio procedere a piccoli passi diradarne la frequenza, e nel frattempo continuare come i primi giorni di vita, limitando la fase d’immersione.

Per il neonato durante i primi giorni di vita non è necessario l’utilizzo di attrezzature particolari, andrà benissimo lavarlo sotto il getto del lavandino; è così piccino e ha la tipica posizione fetale che per i primissimi tempi non si può pensare al classico bagnetto in vasca.  In commercio ci sono dei fiori giganti che si inseriscono nel lavandino e ti lasciano libere le mani per poterlo lavare comodamente, essendo morbidissimi e avvolgenti il piccolo vivrà questa esperienza positivamente, potrete trovare un esempio qui.

Successivamente in una prima fase sarà opportuno preferire le apposite vaschette più facilmente lavabili e disinfettabili allo scopo di garantire igiene e sicurezza. L’importante è che queste siano collocate in un punto stabile e non rischino di rovesciarsi. Per i primi mesi vi consiglio di acquistare una vaschetta con sedile reclinato, come questa qui oppure con il kit per i primi mesi compreso come questa qui. In questo modo il bambino sarà supportato autonomamente e non vi verrà il mal di schiena a stare piegati per sorreggerlo tutto il tempo. Purtroppo io avevo optato per una soluzione pieghevole come quella in questo link, a causa del poco spazio, e miei lombari ne hanno subito le conseguenze. In ogni caso per la scelta è fondamentale che vi sia un blocco antiscivolamento in mezzo alle gambine, per evitare spiacevoli incidenti potenzialmente gravi.

Forse l’ideale sarebbe in bagnetto all’interno del fasciatoio provvisto di tubicino che si fa scaricare automaticamente, l’unico inconveniente è che bisogna avere spazio accanto ad uno scarico altrimenti è tutto inutile.

Quando il piccolo sarà in grado di stare seduto autonomamente, si potrà scegliere di passare alle sedute apposite, sempre che vogliate eliminare la vaschetta. Sono molto utili anche per chi non ha spazio e non ha vasca. Potrebbe essere l’unica soluzione in caso di doccia.

Dopo i 12 mesi per chi ha la vasca sarà semplicemente utile acquistare i tappetini antiscivolo come questo qui, opportunamente detergerla e porre maggiore attenzione vista la grande massa d’acqua e lo spazio molto più ampio; la vasca grande offre l’opportunità, in molte famiglie, d’immergersi accanto al figlio

Come fare il bagnetto al tuo bambino

  • Preparate l’ocorrente: Brocca,Sapone neutro o amido di riso, Shampoo, Accappatoio, Asciugamano, Termometro, Cambio comprensivo di pannolino.
  • Riempitela vaschetta: La temperatura dell’acqua dovrebbe essere intorno ai 37.5° C, mezzo grado più calda di quella corporea. Misurare con gli appositi termometri da bagno, o con il gomito (funziona come per il latte sul polso, immergendo il gomito non si deve sentire differenza di temperatura). Riempi la vaschetta in modo che l’acqua non superi le spalle e versa direttamente il detergente nella vaschetta, io ho sempre e solo utilizzato amido di riso e nient’altro, solo in un paio di occasioni per la pelle secca ho aggiunto un paio di gocce di olio di mandorle. Due accortezze: L’amido è in polvere quindi scioglierlo prima che il bimbo entri in vasca per evitare inalazioni. La temperatura deve essere regolata anche secondo la stagionalità. Usate il buon senso.
  • Create l’ambientazione: Assicuratevi che la temperatura della stanza non scenda mai al di sotto dei 21°-22° C, se necessario acquistate una stufetta. Potete mettere della musica soft e accendere delle luci soffuse. Ricordate che il neonato vive in un ambiente pulito, non ha mai toccato terra, lo scopo del bagno, al di là dei bisogni di pulizia è quello di creare una routine di gioco e rilassamento.
  • Prepariamo il bebè: parlandogli dolcemente, dopo averlo adagiato su una superficie morbida spogliamolo, togliamo il pannolino e puliamolo accuratamente per evitare che eventuali tracce di feci finiscano nell’acqua del bagnetto. Mettete il palmo della mano destra sul petto del piccolo, con medio anulare e mignolo sotto l’avambraccio sinistro. Dopodiché fate passare la vostra mano sinistra dietro il collo e le spalle inclinandolo leggermente e trasferire il peso sulla mano destra davanti infine fare slittare la mano sinistra su sederino e sollevatelo in posizione seduta leggermente piegato in avanti. Abbassatelo nella vaschetta in posizione seduta prima il sederino e poi la schiena, spostate la mano sinistra sulla nuca per sostenerlo e lentamente sdraiatelo nell’acqua. Con la destra libera potrete lavarlo. Vi consiglio di mettere un asciugamanino umido sul petto per tenerlo caldo nei primi periodi. Mentre lo facciamo stiamo calme e parliamo tranquillamente al piccolo, lui percepirà il nostro stato d’animo e sarà tranquillo.
  • Detersione con bacinella o nel lavandino: il bebè va immerso nell’acqua facendo passare il proprio braccio sinistro dietro le spalle in modo da posizionare il suo collo sul tuo polso sinistro e chiudere il braccino sinistro del neonato sotto l’ascella con il tuo indice e pollice creando un anello con le dita così che non possa scivolare, e tu abbia la mano destra libera per lavarlo. Per il lavaggio non occorrono spugne o manopole, ma basta la sola mano della mamma. Per ultimo, è bene girare il piccolo, prendendolo con la mano destra e chiudendo ad anello il braccino sinistro e girandolo facendogli appoggiare il pancino sul proprio avambraccio e con l’altra mano lavargli la schiena. Detersione con vaschetta: Ricordate che avete già messo il detergente nell’acqua non occorre versarne ancora sulla pelle delicata del bambino. Con le dita lavate bene zone, come le ascelle, le pieghe del collo, quelle dietro le orecchie o nelle gambe, perché a volte è proprio lì che si annida lo sporco. A me avevano sempre detto di fare attenzione alle pieghe di ascelle e inguine e così ho fatto, sono sempre stata meticolosa peccato che un giorno mi sono resa conto che tra le pieghette del collo era tutta arrossata poverina. Con la mano lavare la testa, in questo caso se utilizzerete dello shampoo per bambini occorrerà lavarlo via con una brocca di acqua pulita facendo attenzione che non gli vada l’acqua negli occhi. Quando il bambino sarà più grandicello, all’incirca dai tre mesi di vita in poi, si potrà mettere nella vaschetta qualche giochino galleggiante per farlo divertire
  • Fine del bagnetto: Con la mano libera prendete l’accappatoio mettendo il cappuccetto sotto il collo o fra i denti e sistemate i lembi sotto le vostre ascelle. Tirate fuori il bimbo con i stessi movimenti che avete fatto per inserirlo, così che esca da seduto (da coricato lo disorienta). Sollevatelo con la schiena rivolta verso di voi e avvolgetelo.
  • Fasciatoio: Una volta terminato il bagnetto, è importante asciugare bene il neonato, tamponando la pelle senza strofinarla e facendo attenzione alle pieghe cutanee, che non vanno lasciate umide perché possono macerare facilmente. Per asciugare le orecchie, si può adoperare una garzina, da passare nel padiglione auricolare senza entrare all’interno del condotto auricolare per non provocare lesioni. Dopo il bagnetto, non è assolutamente indispensabile applicare creme o latte idratante sulla pelle del bambino a meno che non abbia la pelle particolarmente secca, ma volendo si può effettuare un massaggio rilassante utilizzando l’olio di mandorle puro e biologico. Non avendo lo spazio per collocare il fasciatoio in bagno , per non farle prendere freddo ho acquistato mi sono attrezzata con un fasciatoio portatile ma rigido di quelli che possono collocare sopra le culle, io lo metto sopra la vasca quando finisce il bagnetto.

Quando e quanto spesso fare il bagnetto?

Il bagnetto è uno spazio d’incontro tra la mamma e/o il papà e il bebè. Deve essere un momento piacevole e rilassante per tutti, specialmente per il bambino, che essendo immerso nell’acqua andrà a rivivere le sensazioni del ventre materno.

Per questo motivo: NIENTE FRETTA, prendetevi del tempo da dedicare al 100% al vostro cucciolo, l’ideale è un orario in cui non siete stanchissime (difficile da trovare i primi mesi) e lontano dai pasti.

Se fate ricerche su internet potrete leggere numerosi articoli che riportano che trattandosi di bagno caldo e ambiente caldo il bagno si può effettuare anche dopo mangiato poiché non si incorre nel rischio di congestione, questo risolverebbe tutti i problemi di orario, ma io ho chiesto a diversi pediatri e nessuno si è preso questa responsabilità. Mi è stato detto di attendere circa un’ora e mezza dal pasto se allattati con latte in formula e solo 10 minuti con il latte materno. Io ho preferito modificare gli orari e non rischiare. A voi la scelta!

Non esiste un’ora specifica e valida per tutti per il bagnetto: ci sono bambini che lo trovano energizzante, è un continuo giocare e in questi casi potrebbe essere fatto il mattino per iniziare la giornata. In genere, gli esperti suggeriscono che il momento più indicato sia quello serale. Momento in cui la mamma ha concluso le sue attività di casa e il piccolo sia poi completamente rilassato e pronto per si addormentarsi con maggior facilità.

Il problema sorge solo nei primi tempi, quando l’ultimo pasto serale cade circa alle 23.30. vi assicuro che dopo una giornata stremante alle 22.30-23.00 non avrete tutta questa voglia ed energia necessaria, con il tempo questo inconveniente cesserà di esistere perché l’ultimo pasto si sposterà alle 19.30 circa.

Inizialmente io ho provato a farlo prima dell’ultimo pasto, ma ero cotta e puntualmente mi dovevo svegliare per preparare tutto, dopo poco sono passata a farglielo alle 20 prima del penultimo pasto insomma, così ho potuto godermelo di più. Quindi il mio consiglio è quello di organizzarvi bene nei primi 2/3 mesi, in modo che questo momento non venga vissuto come ulteriore fonte di stress.

Per quanto tempo fare il bagnetto?

Fare il bagnetto è un’esperienza in genere molto gradita al piccolo ma la durata deve essere graduale.

Cinque minuti o anche meno dovrebbero bastare per lavarlo e sciacquarlo, man mano che cresce si potranno allungare i tempi del bagnetto, ma per ora qualche minuto è più che sufficiente. Il bagnetto può durare fino a quando il bambino mostra di gradirlo, è giusto prolungare questo momento ludico, controllando di tanto in tanto che l’acqua sia sempre sufficientemente calda. Vi consiglio di tenere un orologio in bagno, non tanto per il tempo che il piccolo trascorre in vaca ma più che altro per controllare che non si faccia troppo tardi e il piccolo cominci a urlare per la fame prima ancora di cominciare a rivestirlo.

Non è però un obbligo. Nei primi 2-3 mesi di vita del bambino, fargli il bagnetto non è strettamente necessario. Questo perché ha un sudore diverso da quello degli adulti e poi non si muove molto durante il giorno. In più, vive in un ambiente pulito, quello della culla pertanto un bagno ogni 2-3 giorni va benissimo. Al tempo stesso, non c’è alcuna controindicazione a fargli il bagnetto ogni giorno un momento che, anzi, può diventare un rituale. È una pratica che può essere molto piacevole per il bimbo, perché gli ricorda l’ambiente uterino.

Unico accorgimento è quello di addolcire l’acqua, ad esempio con l’amido di riso, perché quella del rubinetto è spesso molto dura e calcarea e potrebbe irritare la pelle delicata del piccolo.

Il bagnetto può durare fino a quando il bambino mostra di gradirlo. Lo scopo del bagno, al di là dei bisogni di pulizia e di divertimento e anche quello di attivare la circolazione sanguigna della pelle e la traspirazione.

Dubbi leciti da eliminare:

  • Non fatelo mai giocare con saponi, profumi o talco: potrebbe ingerirli o inalarli. È pericolosissimo l’uso del borotalco, in alcuni paesi è chiaramente indicata sulle confezioni la sua pericolosità in quanto può essere inalato dal bambino.
  • Se d’estate fa molto caldo, si può dare sollievo al piccolo utilizzando delle spugnature fresche oppure offrendogli più volte brevi immersioni in acqua tiepida.
  • Il bagno, in caso di tosse e raffreddore, non solo si può fare, ma è anche consigliato, a patto che l’ambiente sia ben riscaldato. L’aria caldo-umida, infatti, fluidifica il muco. Logicamente se oltre all’ostruzione nasale vi sono altre complicanze influenzali, è bene chiedere l’apposito parere pediatrico.
  • In via teorica anche la febbre non è un deterrente anzi oltre a non essere pericoloso, il contatto con l’acqua tiepida a circa un grado in meno rispetto a quella corporea dà al piccolo una sensazione di sollievo e di benessere diffuso. È, però, importante evitare accuratamente gli sbalzi di temperatura, che possono peggiorare la condizione di indebolimento dell’organismo.
  • Invece, se il raffreddore è associato all’otite è meglio evitare di fare un bagnetto o una doccia che prevedano una sorta di lavaggio anche parziale dei capelli e della testa. Questo perché l’acqua potrebbe penetrare nelle orecchie in cui vi è l’infezione e provocare al bimbo maggior fastidio.
  • Dopo il vaccino ci sono pareri medici che affermano che sarebbe meglio evitare per 48 ore il bagno per evitare possibili infezioni veicolate dall’acqua, e altri che negano tale relazione. Occorre essere guidati dalle condizioni del bambino, se la sua temperatura aumentata o non si sente bene sarebbe meglio evitare in caso contrario non ci sono restrizioni particolari da seguire. Poi ci sono quelli come me del non si sa mai, che pensa che in fondo sono solo due giorni senza bagnetto e si può sopravvivere senza.
  • Non si deve abbandonare mai, nemmeno per un attimo, il bambino da solo nella vaschetta, infatti, a parte il rischio di annegamento che può verificarsi anche in condizioni di ridotto volume di acqua, il piccolo può inalare acqua schizzata o riversata sul volto giocando con contenitori cavi, ecc. oppure, scivolando, può spaventarsi e procurarsi piccoli traumi.
  • Il piccolo non deve essere posto in prossimità di erogatori di acqua (rubinetti, miscelatori, ecc.) per il rischio di ustioni di acqua ad alta temperatura.
  • Evitate di lasciare il piccolo scoperto per il cambio e in un ambiente non ben caldo dopo il bagnetto per più di 5-10 minuti. C’è il rischio che lo stress da freddo attenui le sue difese immunitarie

Occorrente: Bagnetto per lavandino per i primi 2 mesi, Vaschetta, Seduta, Tappetino Antiscivolamento, Amido di riso, shampoo o sapone, termometro, fasciatoio portatile,Sapone neutro o amido di riso, Shampoo.