La guida completa! Compila il form e scarica la guida completa, leggila con calma quando puoi. Non sempre adesso, è il momento giusto, lo so ;) Per cosa useremo questi dati Queste informazioni verranno utilizzate anche per offrirti messaggi personalizzati di tuo interesse. La tue scelte sono importanti per noi! Scegli quali vantaggi vuoi avere […]

Buongiorno Neo Mamme!

State guardando il vostro piccolino, tenero e soprattutto così delicato, ma avete bisogno di pulirgli occhi, orecchie e naso. Come fare?

Probabilmente quando ci pensavate (se ci pensavate) prima di diventare mamme, pulire gli occhietti di un neonato, le sue orecchie o il bel nasino, poteva sembrare un’operazione semplice. In realtà, è proprio così, basta solo prendere un po’ di dimestichezza.

Iniziamo subito!

Come pulire gli occhi di un neonato?

La pulizia degli occhi deve essere eseguita giornalmente, con soluzione fisiologica e garze sterili.
La garza deve essere passata delicatamente lungo la palpebra del bimbo, dalla rima interna verso l’esterno, cercando di rimuovere tutti i residui di secrezione lacrimale e utilizzando una garza pulita per ogni occhio.

Da acquistare: Garze, Fisiologica Monodose poiché per evitare congiuntiviti è necessaria la sterilità.

Come pulire le Orecchie di un neonato?

La pulizia dell’orecchio del neonato si limita al padiglione esterno e all’accesso del condotto uditivo, ricordandosi di non utilizzare cotone idrofilo (cotton-fiock) o altro materiale estraneo all’interno del condotto, in quanto il piccolo, reagendo a stimoli dolorosi o fastidiosi, potrebbe improvvisamente effettuare bruschi movimenti del capo con conseguenti lesioni del timpano.

Per la pulizia delle orecchie è sufficiente che il neonato appoggiato al braccio del genitore, stia immerso nell’acqua così che il livello raggiunga le orecchie in modo da far entrare vapore. Questa posizione provoca lo scioglimento del cerume, mentre quello che compare alla vista si toglie semplicemente piegando una garza sterile attorno al dito ed effettuare la pulizia, in alternativa è possibile arrotolare un po’ di garza imbeverla nella fisiologica e successivamente pulire l’accesso del condotto.

Da acquistare: Garze, Fisiologica Monodose poiché per evitare otiti è necessaria la sterilità.

Come pulire il Naso di un neonato

La pulizia del naso dovrebbe essere effettuata prima di ogni pasto, anche per la pulizia interna del naso, si raccomanda di non usare corpi estranei, ma tutt’al più l’installazione di qualche goccia di acqua, di soluzione fisiologica per narice.

E’ bene effettuare la pulizia una volta al giorno e nel caso di naso chiuso è fondamentale prima di ogni pasto e comunque ogni volta sia necessario.

In caso di naso chiuso indispensabile è associare lavaggi nasali per liberare le vie respiratorie, con 5 ml (se il bimbo ha meno di 12 mesi) con 10 ml (se ha tra 12 mesi e 3 anni) di fisiologica preferibilmente scaldata ( sotto acqua calda ) a 37° (temperatura corporea) e solo qualora risultasse necessario procedere con la pulizia tramite aspiratore nasale.

In caso di tosse grassa potrebbe essere utile effettuare l’aerosol con acqua ipertonica dopo i lavaggi e prima della pappa. Vi consiglio di preparare tutto prima o tenerlo direttamente accanto al fasciatoio. Un consiglio utile è quello di lavarglielo la sera dopo il bagnetto, che con i suoi fumenti ha già espletato una funzione ammorbidente e fluidificante.

Perché è bene fare i lavaggi al naso di un neonato?

I lavaggi sono utili per un duplice motivo.

Il primo più conosciuto, è che in caso di raffreddore i neonati con meno di un anno d’età non potendosi soffiare il naso, se hanno il naso chiuso non riescono a succhiare e a mangiare bene, quindi risulta fondamentale pulirlo sia per facilitare la loro alimentazione sia per permettere un sonno notturno tranquillo.

Va precisato che circa il 70-80% delle infezioni respiratorie nei bambini sono di natura virale e questo significa che non esiste una terapia mirata al virus (come avviene invece nel caso dei batteri che vengono uccisi con un antibiotico), bensì terapie utili ad alleviare i sintomi respiratori che le accompagnano.

Il secondo motivo è che in caso di bambino in salute con il lavaggio non si cerca la prevenzione del raffreddore ma l’eliminazione della colonizzazione virale e batterica nasofaringea e con essi i rischi di otite e sinusite.

Inoltre, un naso non libero favorisce il ristagno di secrezioni nei seni paranasali e queste secrezioni possono scendere nelle basse vie aeree per aspirazione causando bronchiti asmatiche, bronchiti catarrali e polmoniti.

So bene che veder piangere i nostri piccini ci fa stringere il cuore e pertanto questa pratica spesso non è effettuata se non in caso di raffreddamento, ma vorrei condividere con voi la mia esperienza dicendovi che io la pensavo esattamente così fino a che la mia piccola si è ammalata e a causa di un raffreddore che non le permetteva di respirare, ho dovuto fare un day hospital all’ospedale dove le hanno effettuato un mega lavaggio e diagnosticato un principio di bronchiolite e come unica terapia quella di fare prima di ogni pasto lavaggi e aerosol.

Vi posso assicurare che ha sofferto molto di più in quei giorni, che quando giornalmente le faccio il lavaggio che ormai è diventato di prassi e non la fa piangere neanche più.

Come effettuare i lavaggi al naso di un bambino

Vi consiglio di preparare tutto prima o tenerlo direttamente accanto al fasciatoio. Io glielo lavo la sera dopo il bagnetto che con i suoi fumenti ha già espletato una funzione ammorbidente e fluidificante. Quando aveva il raffreddore e occorreva assicurarsi un’umidità circa del 55% -65%, non avendo l’umidificatore prima di effettuare il bagnetto lasciavo scorrere l’acqua della doccia così che stando un po’ di tempo in quell’ambiente saturo di umidità le si sciogliesse bene il muco.

La procedura da seguire è la seguente:

  • Aspirare nella siringa la quantità di soluzione fisiologica prevista per l’età e lasciare l’ago nel flacone di fisiologica
  • Riscaldare la siringa sotto acqua calda per circa 10-15 secondi
  • Adagiare supino il neonato con il capo ruotato da un lato e posizionare la siringa all’ingresso della narice superiore, direzionata verso l’orecchio dello stesso lato.
  • Svuotare tutta la siringa, esercitando sul pistone una pressione continua e lenta. La soluzione fisiologica fuoriesce solitamente dalla narice inferiore, trascinando con sé le secrezioni.Esistono in commercio dei particolari cappucci ( Nasal Washing Cup) che si applicano alla siringa così da tappare bene la narice ed evitare che l’acqua rifluisca giù per la stessa per gravità. Se la posizione è corretta, la soluzione non raggiunge la gola e non provoca fastidio. Ripetere sul lato opposto.
  • Un altro metodo se non riuscite a tenere fermo il piccolo e può essere tenuto in braccio, è posizionarlo lateralmente con la sua testa più in basso rispetto al piano delle sue spalle. Potrebbe essere il caso di farsi aiutare dal proprio marito/compagno.
  • Non è necessario utilizzare un aspiratore nasale a meno che il bimbo non sia molto raffreddato.
  • Lavare la siringa sotto acqua corrente e riposizionarla nell’ago connesso al flacone di fisiologica.

Non è necessario utilizzare un aspiratore nasale a meno che il bimbo non sia molto raffreddato.
Lavare la siringa sotto acqua corrente e riposizionarla nell’ago connesso al flacone di fisiologica.

Da acquistare:

  • Soluzione fisiologica isotonica è acquistabile in comode monodosi (costano circa 8€ e se effettuati lavaggi giornalieri durano circa 24 giorni) o in bottiglie da 500ml decisamente più economiche circa 1.80 € e durano più di 3 mesi, inoltre all’ospedale mi hanno riferito che l pressione esercitata dalla siringa è quella più corretta per il lavaggio rispetto alla pipetta monodose.
  • Soluzione fisiologica ipertonica (da utilizzare con aerosol)
  • Siringa
  • Aspiratore. In commercio i più gettonati sono quelli della Chicco e della Narhinel, io ho acquistato il primo poiché sia l’aspiratore che le ricariche costano decisamente meno. L’ho utilizzato quando era piena di catarro e vi posso assicurare che la funzionalità è la medesima.
  • Aerosol

Spero abbiate trovato consigli utili. Come sempre vi invito a scrivermi e a condividere con me le vostre esperienze!